Isole Cies: il paradiso ad un passo dal Cammino

Le Isole Cies: per gli antichi romani erano le isole per gli Dei, per il The Guardian la più bella spiaggia del mondo.

Spiagge incontaminate, natura rigogliosa e viste mozzafiato ad un passo dal Cammino Portoghese.

Benvenuti alle Isole Cies: tre splendide isole a poche miglia di navigazione da Vigo, una delle città dalle quali passa il Cammino Portoghese.

Concentrato sulla preparazione del mio Primo Cammino di Santiago devo ammettere che, pur partendo da Vigo, avevo assolutamente trascurato questa autentica meraviglia della natura. A questa mia mancanza hanno però rimediato i pellegrini con cui ho condiviso una parte del mio Cammino. Loro infatti erano partiti con l’idea, una volta arrivati a Santiago, di trascorrere due notti nel campeggio presente su queste isole e spinto dalla mia incontenibile curiosità ho deciso di seguire le loro tracce e di unirmi a loro, anche se solo per una notte.

Se è vero che le Isole Cies sono, come dicevano i romani, le Isole degli Dei allora preparati perchè raggiungere l’Olimpo non è certamente una passeggiata.
Una delle prime cose che devi sapere sulle Isole Cies è che sono una riserva naturale, per la precisione fanno parte insieme alle isole di Ons del Parco Nazionale delle Isole Atlantiche.
Questa è una cosa che devi tenere in mente, non solo per comprendere le regole ferree che vigono sulle Isole ma anche per prepararti a raggiungerle, visto che l’accesso alle isole non è affatto libero. Per proteggere al meglio questo paradiso terrestre infatti esiste un tetto massimo di persone che possono accedervi ogni giorno: al momento di scrivere questo post si parla di non più di 2000 persone al giorno. Quindi meglio informarsi per tempo, e prenotare il proprio biglietto!
Ovviamente le isole Cíes si raggiungono solo via mare:  da Vigo, Cangas o Baiona e l’isole di O Faro partono infatti da Pasqua fino a fine Settembre diverse motonavi (ricordano moltissimo quelle dell’Adriatico, ma qui non c’è nè Raoul Casadei nè tantomeno l’aperitivo a base di fritto) che raggiungono le isole in circa 40 minuti. Il costo del biglietto è di circa 16-22€ per andata e ritorno in base alla compagnia di navigazione, al periodo dell’anno e alla scelta di rimanere solo un giorno oppure di più.
L’isola di San Martiño è accessibile solo con imbarcazioni private e dopo aver richiesto alle autorità del parco il permesso di approdare. Anche in questo caso meglio muoversi per tempo, sopratutto nei periodi dell’anno più affollati!
Io sono uno di quelli che predica bene poi “razzola” così così, ed infatti avendo deciso solo all’ultimo momento di raggiungere i miei nuovi compagni di viaggio sulle isole mi sono presentato sul lungo mare di Vigo giusto un’oretta scarsa prima della partenza del penultimo (sic!) traghetto della giornata. D’altra parte era il primo sabato pomeriggio del mese di settembre, evidentemente non un periodo di punta… Insomma, mi è andata bene, sono riuscito ad acquistare il mio biglietto e ad imbarcarmi zaino in spalla sulla nave.
Per chi vuole dormire sulle isole c’è una sola possibilità, ed è quella rappresentata dall’unico campeggio, in cui è possibile dormire nella propria tenda oppure in una delle tante in affitto (circa un centinaio). Le tende sono attrezzate con due letti matrimoniali, e comunque in maniera piuttosto spartana.  Le docce sono utilizzabili solo con il gettone che viene distribuito alla reception. A causa della natura dell’Isola tutti i consumi non strettamente necessari sono fortemente disincentivati. Il campeggio è attrezzato anche di bar, market e ristorante self-service. Per prenotare il campeggio il link è questo.
Oltre alle strutture presenti nel campeggio sulle Isole Cies ci sono altri bar e ristoranti.
Naturalmente il Fattore Isola imperversa: ovunque i prezzi sono cari arrabbiati!
Bene, avete prenotato il vostro prezioso ticket per le paradisiache isole Cies, vi siete imbarcati zaino in spalla e siete arrivati su questo angolo di eden, ora potete cominciare la vostra esplorazione. I traghetti vi lasceranno sul molo dell’isola maggiore, affacciato su una splendida spiaggia di sabbia bianca e fine, e da un acqua dal colore indimenticabile.

Sappiate che siete ufficialmente sbarcati su quella che il giornale TheGuardian ha eletto nel 2006 la spiaggia più bella del mondoE’ Praia das Rodas,una lingua di sabbia bianca e soffice che unisce San Martino, Monteagudo e Faro. Alle spalle della spiaggia c’è il Lago de los Niñosun luogo assolutamente spettacolare, dall’acqua trasparente ed incontaminata.

Da qui in avanti si va solamente a piedi ma d’altra parte per chi ha fatto il Cammino di Santiago cosa saranno mai alcuni chilometri tra le spiagge ed i boschi delle isole Cies? Niente di più che una sana ed emozionante passeggiata nella natura incontaminata.

Spiagge caraibiche, acqua cristallina, natura incontaminata, un ecosistema unico al mondo. Benvenuti alle Isole Cies!

A proposito di spiagge: una delle più famose è quella di Figueiras, rivolta verso la costa e nota per essere la spiaggia scelta dai naturisti e dai nudisti. Lasciate a casa ogni malizia, perché naturismo e nudismo non hanno nulla di tutto questo, al contrario.

Altra spiaggia molto amata per la sua natura selvaggia è quella di Nosa Senora (su Isla do Faro).Tutta l’isola è battuta da sentieri che raggiungono facilmente anche gli angoli più remoti e nascosti, a partire ovviamente dalle splendide spiagge.

Le isole sono una splendida occasione di immersione nella natura non solo per gli amanti della vita da spiaggia ma anche da parte degli amanti del trekking: sono infatti quattro i sentieri che conducono alla scoperta delle meraviglie naturali del parco. Si attraversano spiagge, boschi e calette, incontrando sul percorso i resti di un villaggio di epoca pre-romana, i resti dell’antico monastero di San Estevo e osservatori ornitologici.

Sulle isole Cies poi è possibile fare birdwatching ed esplorare (previa autorizzazione) i fondali, popolati da aragoste, polipi, delfini e tartarughe marine. L’autorizzazione per le immersioni si chiede a questo link.

Nel libro “come fare il primo Cammino di Santiago” troverete un capitolo dedicato alle isole Cies.

Come fare il primo cammino di Santiago: Tutto quello che devi sapere per prepararti al Camino De La Vida
56 Recensioni
Come fare il primo cammino di Santiago: Tutto quello che devi sapere per prepararti al Camino De La Vida
  • Simone Ruscetta
  • Editore: CreateSpace Independent Publishing Platform
  • Copertina flessibile: 238 pagine

Dopo la mia (unica) notte nel campeggio delle Isole Cies mi sono svegliato all’alba e ho camminato fino alla sommità della collina del Faro Maggiore, un punto di osservazione unico e suggestivo. Lì, in quel momento al sorgere del sole, ho scattato la foto principale di questo post. Ammirare il sole sorgere da quel punto di osservazione unico è stata un’esperienza intensa e davvero forte.

La camminata fino al Faro copre (partendo dal campeggio) una distanza di circa 4 chilometri, di cui l’ultimo pezzo in decisa salita. Posso assicurarvi però che la fatica viene completamente ripagata da una vista incredibile, sull’Oceano e sulla costa della Galizia.

Dopo una mattinata di trekking e di tuffi nell’acqua gelata dell’Oceano la mia giornata alle Isole Cies è purtroppo terminata, e uno dei traghetti che fà la spola quotidiana con la costa mi ha riportato a Vigo.

Splendida città Vigo, ma questa è un’altra storia!

Ultimo aggiornamento 2019-12-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Share this Post

Leave a Comment