Cattedrale di Santiago di Compostela: come visitare il Portico Della Gloria

Cattedrale di Santiago di Compostela: come visitare il Portico Della Gloria

Ho già parlato della Cattedrale di Santiago di Compostela, oggi però parliamo di una delle grandi attrattive della cattedrale: il Portico della Gloria della Cattedrale di Santiago di Compostela!

Come ho raccontato all’interno del mio libro sul Cammino di Santiago il Portico della Gloria, così come del resto tutta la Cattedrale è da anni alle prese con lavori di rifacimento e di restauro davvero impressionanti. Lavori che, cominciati dalla facciata principale, andranno avanti per diversi anni ancora.

Insieme alla facciata principale il Portico della Gloria è stato una delle porzioni della Cattedrale che per prime sono state riconsegnate agli occhi dei pellegrini del Cammino di Santiago e dei cittadini di Santiago di Compostela.

A qualche mese dall’apertura al pubblico del Portico della Gloria sul sito della fondazione della Cattedrale di Santiago è stata pubblicata una notizia molto importante che riguarda le nuove modalità di visita al Portico.

Dal 18 settembre 2018 l’ingresso al Portico della Gloria sarà infatti a pagamento, inserito nel biglietto (15€) del Museo della Cattedrale.

Portico della Gloria della Cattedrale di Santiago di Compostela: il restauro

Il progetto di restauro mira a valorizzare un’opera chiave nella storia dell’arte universale, divulgando il lavoro svolto dal Maestro Mateo nella cattedrale di Santiago tra 1168 e 1211.

Il Portico della Gloria è, allo stesso tempo, architettura, scultura, pittura, spiritualità, musica, pensiero, ecc.

Il nuovo sistema di visita consentirà secondo la Fondazione anche di spiegare il processo di restauro che è stato svolto e sensibilizzare l’opinione pubblica circa l’importanza di conservazione del patrimonio culturale. Inoltre, con questo nuovo sistema viene perseguita l’autosufficienza del programma, della sua gestione e del personale, così come la manutenzione e la conservazione del Portico de la Gloria.

In parallelo, proseguiranno i lavori sui gradini di Piazza dell’Obradoiro e cripta del Portico, quindi questo accesso dovrebbe essere chiuso per la durata dei lavori.

Per garantire la conservazione del portico, non è accessibile durante i mesi di maggiore incidenza delle precipitazioni la facciata occidentale.

Le visite al Portico della Gloria sarà garantita, dal momento che il sistema di protezione da installare, contempla il passaggio dalla torre nord attraverso il Palazzo Gelmírez, in modo che, in questa seconda fase, l’ordinato accesso al portico è Sarà fatto attraverso il Museo come una visita tematica di più. L’organizzazione, la gestione e lo sviluppo del progetto saranno assunti dalla Fondazione Cattedrale di Santiago.

Come fare il primo cammino di Santiago: Tutto quello che devi sapere per prepararti al Camino De La Vida
56 Recensioni
Come fare il primo cammino di Santiago: Tutto quello che devi sapere per prepararti al Camino De La Vida
  • Simone Ruscetta
  • Editore: CreateSpace Independent Publishing Platform
  • Copertina flessibile: 238 pagine

Portico della Gloria della Cattedrale di Santiago di Compostela: le nuove regole

La Fondazione (l’ente che sovrintende sulla cattedrale)  ha progettato un nuovo sistema di visite al Portico della Gloria che sarà applicato una volta che il lavoro di restauro dei monumenti sarà concluso.

Dal 18 settembre, completando la prima fase, che ha avuto inizio il 27 luglio, raccolte di dati e una revisione dello stato del Portico saranno effettuati, così come la pulizia. Allo stesso tempo, iniziare a lavorare progettazione e montaggio di struttura che separerà portico e le navi, con la stima che questi interventi possono essere completati nel mese di novembre 2018. problemi di conservazione e le opere da realizzare all’interno della cattedrale, è necessario proteggere il portico con una struttura ausiliaria che separa il nartece dalle navate.

Il Portico della Gloria sarà parte del programma di visite guidate tematiche del Museo della Cattedrale di Santiago, in modo che l’accesso sarà fatta dal Pazo de Xelmírez (Plaza del Obradoiro).

Le visite al Portico della Gloria saranno realizzate in gruppi formati da un massimo di 25 persone, guidati dallo staff del Museo.

I biglietti d’ingresso possono essere prenotati in anticipo presso la biglietteria del Museo e, attraverso il suo sistema di ticketing, sul sito web della cattedrale: clicca qui per il sito ufficiale.

Possono anche essere acquistati senza prenotazione, presso la biglietteria del Museo, a patto che ci siano posti liberi. La durata totale sarà di 45 minuti e sarà disponibile in galiziano, spagnolo e inglese. Ogni ora ci saranno due gruppi, uno inizierà all’ora e l’altro inizierà a metà.

Gli orari saranno gli stessi del il Museo della Cattedrale (da novembre a marzo, Lunedi alla Domenica dalle 10 alle 20 ore / aprile a ottobre, Lunedi alla Domenica dalle 9 a 20 ore).

Portico della Gloria della Cattedrale di Santiago di Compostela: i gruppi speciali

Fino a quando il nuovo modello di visita non sarà completamente rodato la Fondazione ha previsto un programma di visite su invito il cui compito è quello di  fornire indicazioni sullo sviluppo del modello finale.

La Fondazione Cattedrale contatterà, durante questo periodo, diversi gruppi: professionisti, specialisti, amici e collaboratori della cattedrale, associazioni sociali e culturali, ecc. in modo che possano visitare eccezionalmente il Portico della Gloria. Gli itinerari ed il contenuto di queste visite saranno simili a quelli previsti nella succitata seconda fase.

Portico della Gloria della Cattedrale di Santiago di Compostela: il restauro

Il restauro del Pórtico de la Gloria è stato sviluppato tra il 2008 e il 2018 con il patrocinio della Fondazione Barrié.

Il lavoro si è focalizzato, da un lato, su problemi strutturali, principalmente per risolvere il deterioramento subito dal lavoro, soprattutto a causa di perdite di umidità; e in secondo luogo, nel recupero di policromo mantenendo il set corrispondente a più strati, di tempi diversi.

Dopo il restauro, è il momento di presentare i risultati alla società, sottolineando l’importanza del tutto e l’importanza della partecipazione sociale nella conservazione del patrimonio culturale.

Così, tra i mesi di luglio e settembre, ha sviluppato una prima fase del programma di visite, che ha goduto della collaborazione del Segretariato Generale per il Turismo della Galizia. L’iniziativa ha riscosso un enorme  successo al punto che in pochi mesi le persone che hanno visitato il portico sono state oltre 65.000 persone.

Ultimo aggiornamento 2019-12-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Share this Post

Leave a Comment