Cattedrale di Santiago chiusa nel 2019: tutta la verità

Cattedrale di Santiago chiusa nel 2019: tutta la verità

Da mesi nei blog Cammino di Santiago, nei gruppi Facebook e tra i pellegrini circola sempre più insistentemente una voce a proposito della chiusura della Cattedrale di Santiago di Compostela,  forse ricorderai chene avevo parlato anche in un mio post qualche tempo fà ritenendo l’ipotesi della chiusura completa della Cattedrale di Santiago semplicemente improbabile. Puoi rileggere qui il mio post dedicato alla presunta chiusura della Cattedrale di Santiago di Compostela.

La notizia di cui voglio parlarti oggi è che dopo tante chiacchiere è finalmente arrivata la notizia ufficiale, chiaramente riportata dal sito della Cattedrale di Santiago di Compostela

La sintesi del comunicato ufficiale pubblicato il 23 gennaio 2019 (non una voce di corridoio) è che, nonostante gli importanti lavori di restauro che proseguiranno per tutto il 2019, la Cattedrale di Santiago rimane aperta al pubblico dei religiosi, dei pellegrini e dei turisti per tutto il 2019 ma le messe (comprese le messe dei pellegrini e quelle in italiano) verranno spostate in altre chiese nelle vicinanze.

Ma vediamo la traduzione del comunicato ufficiale:

Chiusura Cattedrale di Santiago 2019: il Comunicato ufficiale

Di fronte all’imminente inizio dei lavori all’interno della Cattedrale di Santiago, che per portata e dimensioni rendono impossibile mantenere la normale attività sull’altare maggiore, nelle navate e nelle cappelle della basilica, da Lunedi 28 gennaio 2019 il culto si trasferirà in altre chiese della città.

Nello specifico, la messa quotidiana del pellegrino, alle 12:00, sarà celebrata nella chiesa di S. Francisco.

La chiesa di Santa María Salomé ospiterà la celebrazione dell’Eucaristia con i seguenti orari: 7:30, 9:00, 10:00 e 19:00. dal lunedì alla domenica. Sabato pomeriggio anche alle 18:00 e domenica, oltre alle celebrazioni indicate, ci sarà messa alle 13:00 e alle 18:00.La Parrocchia della Corticela mantiene la sua solita massa alle 11:00 h.

Gruppi di pellegrini in varie lingue verranno distribuiti nelle chiese di S. Fruttuoso, S. Fiz de Solovio, Sta. Maria Salome e nella cappella del Centro Internazionale di ricezione Pilgrim (Rua Carretas, 33).

Le principali solennità e feste saranno indicate a tempo debito e si terranno nella chiesa di San Martino Pinario (Festa di San Giacomo, Santa Messa del Crisma, San Giovanni d’Avila …).

La cattedrale rimarrà aperta, quindi sarà accessibile ai fedeli, ai pellegrini e ai visitatori, anche se gli spazi in cui interviene in ogni momento saranno limitati. 

Il rito dell’abbraccio dell’Apostolo può essere celebrato nel suo camerino e scendere alla cripta apostolica. Gli orari di apertura del Duomo saranno dalle 9:00 alle 19:00.

L’unica porta che rimarrà aperta sarà quella di Platerías, con doppio uso: entrata e uscita, che assolvono anche alla funzione di uscita dal Portico Reale. L’accesso di Azabachería è riservato agli usi e alle necessità delle opere.

La scadenza per questo intervento è di 12 mesi.

Chiusura Cattedrale di Santiago 2019: in sintesi

Insomma, il comunicato dell’Opera della Cattedrale parla chiaro: la Cattedrale del Duomo di Santiago di Compostela rimane aperta ai religiosi, pellegrini e turisti per tutto l’anno, con gli orari 9-19 ed un unico ingresso.

Questi imponenti lavori di ristrutturazione dureranno un anno, anno durante il quale sarà possibile vivere la Cattedrale, sia pure in modo leggermente minore.

E’ possibile per tutto il periodo dei lavori di restauro compiere il rito dell’abbraccio a San Giacomo, scendere nella cripta e anche visitare, almeno parzialmente, la Cattedrale.

Le messe invece come detto verranno spostate in altre chiese considerate minori, personalmente sono convinto che questi lavori oltre a restituirci una Cattedrale magnifica e completamente restaurata rappresenteranno anche un’opportunità unica di scoprire dei gioielli architettonici e culturali sconosciuti ai più.

Il senso del Cammino di Santiago è l’abbraccio alla statua di San Giacomo ed il Cammino stesso, e questo senso rimane intatto anche nonostante i lavori in corso.

Insomma, nel 2019 ci aspetta una cattedrale ancora “work in progress” ma affascinante ed emozionante come sempre!

Buen Camino!

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*